Ultimi articoli

La bandiera dell'Ecuador e il suo stemma



La
bandiera dell'ecuador e il suo scudo d'armi

 

La bandiera dell'ecuador è stata adottata ufficialmente il 10 gennaio 1861, e, in quanto derivata dallo storico tricolore della Gran Colombia (repubblica esistita legalmente solo tra il 1821 e il 1831 la cui superficie corrispondeva ai territori delle attuali repubbliche di Colombia, ecuador, Panama e Venezuela più alcuni territori limitrofi): bande orizzontali giallo, blu e rosso, in cui il giallo occupa la metà della larghezza e blu e rosso un quarto ciascuno.

La legge ecuadoriana dispone che l'insegna civile e l'insegna di Stato differiscano per lo stemma , previsto solo nella seconda, ma di fatto la bandiera di Stato viene spesso usata come bandiera civile.

L'importanza dei colori

 

Gli ecuadoriani hanno un grande senso patriottico, pertanto il significato dei colori della propria bandiera è conosciuto da tutta la popolazione sin dall'infanzia:

  • Il giallo rappresenta l'oro e il sole, ma anche l'abbondanza e la fertilità delle terre.
  • Il blu simboleggia l'oceano e il chiaro e limpido cielo ecuadoriano.
  • Il rosso per il sangue versato dagli eroi e dai martiri che durante la guerra di indipendenza ottennero per i propri concittadini la Patria e la libertà.

Lo stemma

 

Lo stemma sul vessillo ecuadoriano è uno scudo ovale nel quale appare una rappresentazione del sole e di alcuni segni zodiacali nella parte interna superiore. I segni zodiacali rappresentati sono l'ariete, il toro, i gemelli e il cancro, che corrispondono rispettivamente ai mesi storici di marzo, aprile, maggio e giugno, durante i quali si svolse la lotta tra il generale Juan José Flores (a capo di una dittatura militare) e il popolo ecuadoriano.

Il Chimborazo (che con i suoi 6 310 mt s.l.m. è una montagna delle Ande che rappresenta la cima più alta dell’Ecuador ed è soprannominato dagli abitanti Taita Chimborazo ovvero "papà Chimborazo") si erge sotto il cielo blu nella parte inferiore, e dalle sue nevi nasce il fiume Guayas, che simboleggia la fratellanza di tutti gli ecuadoriani.

Un battello a vapore solca la parte larga del fiume. È un'allusione alla prima nave a vapore costruita nella costa pacifica, nei cantieri navali di Guayaquil, nel 1831, e ha come albero un caduceo, simboleggiante la navigazione e il commercio.

Adagiato su un fascio di verghe con ascia consolare, lo scudo è circondato da quattro bandiere nazionali spuntano due rami molto usati nell'araldica latino americana: la palma per la gloria, e l'alloro per il trionfo.

Infine sopra lo scudo è posto il Condor delle Ande con le ali aperte, pronto a gettarsi in picchiata sul nemico a simboleggiare dominio, grandezza e valore dell'Ecuador.

Inno alla bandiera: un giuramento di fedeltà alla nazione

 

Gli studenti in Ecuador sono tenuti a recitare una promessa alla bandiera, nota come il giuramento alla bandiera. Questo di solito è declamato ufficialmente il giorno della bandiera (il 26 settembre) o in importanti eventi civili, come duranta le cerimonie della maturità o di laurea, le parate militari ed altre occasioni importanti.

Giuro per Dio o Sacra bandiera

Nell'aria, nel mare e sulla terra,

In pace e nell'orrenda guerra,

Di difenderti fino alla morte.

Se un giorno l'ambizione straniera,

Pretende od osa oltraggiarti,

Perderemo la vita volentieri,

Per sventolarti con onore.

E tu stessa sarai la nostra forza,

E sapremo come spezzare le catene,

Sentiamo scorrere nelle nostre vene

Il sangue e il coraggio del grande Sucre.

Antonio José Francisco de Sucre y Alcalá è considerato Padre della Patria ed eroe nazionale in Ecuador e Bolivia per i suoi meriti durante guerre d'indipendenza ispanoamericane.

Contattateci per richiedere maggiori informazioni!