Ultimi articoli

Vessillologia : un popolo, una bandiera

shutterstock_531122389.jpg

la vessillologia è lo studio delle bandiere dal punto di vista fisico, storico e simbolico. Infatti le bandiere hanno una:

  • Composizione fisica. Viene studiato il materiale con il quale sono fatte le bandiere, i colori usati e le immagini presenti. Ogni bandiera ha dei colori ben precisi armonizzati secondo un criterio, così come le immagini presenti raffigurano elementi storico-geografici del paese a cui appartiene.
  • Evoluzione storica. Molte bandiere che conosciamo oggi all'inizio non erano così, nel corso del tempo sono state modificate, togliendo o aggiungendo elementi che hanno seguito l'andamento storico del paese, sono mutate nel tempo insieme al suo popolo. In questo senso la bandiera Italiana ha visto comparire e scomparire al centro del tricolore molti stemmi come quello sabaudo e quello dei Savoia.
  • Valore simbolico. Una bandiera non è soltanto un pezzo di stoffa ma un simbolo, un segno, cioè un qualcosa che rimanda ad altro, un oggetto che rappresenta un significato più ampio di ciò che semplicemente è. In questo senso la bandiera rappresenta tutta la nazione di cui è portavoce, con i suoi valori, la sua storia, la sua cultura e persino la sua cucina. In questo senso è un oggetto a cui si deve rispetto, molte nazioni hanno leggi che difendono e proteggono la loro bandiera da ogni forma di vilipendio.

Bandiere storiche

Le bandiere esistono da molti secoli, queste bandiere antiche sono dette "bandiere storiche" e sono quelle che sono state in uso in passato per un periodo e poi sono scomparse a causa dei mutamenti di potere. Un esempio di bandiera storica può essere lo Stendardo di Lepanto composto da due vessilli sistemati a capo della flotta dei cristiani che andavano a scontrarsi contro le navi turche nel mare di Lepanto. L'azione era stata un atto di difesa contro le sempre più frequenti scorrerie turche che razziavano le coste del Mediterraneo.

Un esempio più noto e molto chiaro può essere quello della bandiera dei quattro mori meglio conosciuta come la bandiera sarda, ha origine medievale, visivamente è composta da una base bianca dove al centro è messa la Croce di San Giorgio e negli spazi liberi sono rappresentate quattro teste di moro bendate, queste vogliono raffigurare i quattro re saraceni sconfitti durante la Battaglia di Alcoraz.

Ad oggi la Sardegna è chiaramente parte dello stato italiano a tutti gli effetti, rimane comunque legata quasi visceralmente alla sua bandiera che evidentemente rappresenta in maniera efficace le persone che la vivono tanto da farne sfoggio durante le occasioni non formali. Da questo si capisce come le bandiere siano ben lontane da essere solo un pezzo di stoffa, e non si esaurisce solo nell'essere il simbolo di una nazione, ma raccontano la storia di un popolo che in molti casi è morto per difenderla, parla di appartenenza, di famiglia e di casa, ma soprattutto di identità.

Non a caso quando l'Inghilterra ha deciso di uscire dall'UE (Brexit) una delle domande che in molti si sono posti è se fosse necessario modificare la bandiera dell' Unione Europea togliendo una stella. In realtà il numero delle stelle rappresentate su sfondo blu, non è reale, come nella bandiera americana, ma simbolico, infatti se ricordiamo bene la sua esistenza è precedente alla formazione della coalizione europea vera e propria. Conoscere le bandiere è conoscere la storia, i popoli, è fare cultura nel senso più ampio del termine.

Centro Forniture s.n.c. è un'azienda italiana dalla quale è possibile acquistare bandiere, gonfaloni e stendardi, scopri di più!

Contattateci per richiedere maggiori informazioni!